lunedì, 22 aprile 2024 | 11:11

Approvazione bilanci 2023, vicina la scadenza

Quest'anno il termine di approvazione dei bilanci 2023 scade il prossimo 29 aprile

Newsletter Inquery

Approvazione bilanci 2023, vicina la scadenza

Quest'anno il termine di approvazione dei bilanci 2023 scade il prossimo 29 aprile


Ai sensi degli artt. 2364, co. 2, e 2478-bis, co. 1, cc, l'assemblea ordinaria deve essere convocata almeno una volta l'anno, entro il termine stabilito dallo statuto (o dall'atto costitutivo) e comunque non superiore a 120 giorni dalla chiusura dell'esercizio sociale. Lo statuto può prevedere un maggior termine, comunque non superiore a 180 giorni, nel caso di società tenute alla redazione del bilancio consolidato ovvero quando lo richiedono particolari esigenze relative alla struttura ed all'oggetto della società; in questi casi gli amministratori segnalano nella relazione prevista dall'art. 2428 le ragioni della dilazione.

Pertanto, per quest'anno bisestile, le società con esercizio sociale coincidente con l’anno solare devono approvare i bilanci al 31 dicembre 2023 entro il 29 aprile 2024, a meno che lo statuto consenta il rinvio entro il 28 giugno 2024 (180 giorni), se la società è tenuta alla redazione del bilancio consolidato o se sono presenti particolari esigenze connesse alla struttura e all’oggetto della società.


Si rammenta che, ai fini dello svolgimento dell’assemblea di approvazione del bilancio, l'art. 11 co. 2 L 03 marzo n. 21 ha differito al 31 dicembre 2024 il termine di applicazione della disciplina di approvazione a distanza.
Pertanto, in attuazione dell'art. 106, DL 17 marzo 2020, n. 18, è ancora applicabile la disciplina dettata durante il periodo di emergenza Covid, secondo la quale:

- con l'avviso di convocazione delle assemblee ordinarie o straordinarie le società per azioni, le società in accomandita per azioni, le società a responsabilità limitata, le società cooperative e le mutue assicuratrici possono prevedere, anche in deroga alle diverse disposizioni statutarie, l'espressione del voto in via elettronica o per corrispondenza e l'intervento all'assemblea mediante mezzi di telecomunicazione; le predette società possono altresì prevedere che l'assemblea si svolga, anche esclusivamente, mediante mezzi di telecomunicazione che garantiscano l'identificazione dei partecipanti, la loro partecipazione e l'esercizio del diritto di voto, senza in ogni caso la necessità che si trovino nel medesimo luogo, ove previsti, il presidente, il segretario o il notaio;

- le società a responsabilità limitata possono, inoltre, consentire che l'espressione del voto avvenga mediante consultazione scritta o per consenso espresso per iscritto;

- le società con azioni quotate possono designare per le assemblee ordinarie o straordinarie il rappresentante designato.

di Anna Russo