lunedì, 10 giugno 2024 | 10:12

Commercialisti: proposte migliorative per i primi decreti correttivi della riforma fiscale

Il Consiglio Nazionale dei commercialisti, in vista dell’emanazione dei decreti correttivi della riforma fiscale, ha predisposto delle proposte migliorative sui decreti delegati relativi a adempimenti, concordato preventivo biennale e cooperative compliance (CNDCEC - comunicato 07 giugno 2024)

Newsletter Inquery

Commercialisti: proposte migliorative per i primi decreti correttivi della riforma fiscale

Il Consiglio Nazionale dei commercialisti, in vista dell’emanazione dei decreti correttivi della riforma fiscale, ha predisposto delle proposte migliorative sui decreti delegati relativi a adempimenti, concordato preventivo biennale e cooperative compliance (CNDCEC - comunicato 07 giugno 2024)

In particolare, relativamente al concordato preventivo biennale, il Consiglio Nazionale dei commercialisti ha proposto una tassazione flat sul reddito incrementale che dovrà essere dichiarato per effetto dell’adesione al nuovo istituto. In materia di adempimento collaborativo, ha formulato un ventaglio di proposte per rendere maggiormente attrattivo il regime nel presupposto che i soggetti aderenti, effettuando una totale disclosure della loro posizione fiscale, debbano essere per quanto più possibile preservati da conseguenze accertative e, soprattutto, sanzionatore. Ciò anche per i soggetti di minori dimensioni che volontariamente si doteranno del tax control framework che dovrà essere sempre certificato da un commercialista o da un avvocato.

Tra le numerose e articolate proposte presentate, i commercialisti hanno chiesto, sempre in materia di concordato preventivo biennale, maggiori premialità, in particolare estendendo ai forfettari lo scudo totale dagli accertamenti basati su presunzioni semplici analogamente a quanto già previsto per i soggetti ISA e che tra gli elementi che andranno a ridurre il reddito concordato rientrino anche le perdite su crediti, così come avviene per minusvalenze e sopravvenienze passive. Per quanto attiene agli adempimenti, hanno proposto che il termine di presentazione delle dichiarazioni dei redditi venga fissato per il 2024 e a regime al 31 ottobre, termine che per quest’anno dovrebbe coincidere anche con quello per aderire al concordato preventivo.

In conclusione, per i commercialisti è necessario che venga precisato che per l’anno 2024 tutti i soggetti ISA e forfettari, indipendentemente dall’adesione al concordato, possano versare il saldo e il primo acconto delle imposte entro il 30 agosto con la maggiorazione dello 0,4% e che, per coloro che aderiranno, quanto dovuto a conguaglio in sede di secondo acconto sul maggior reddito concordato sia calcolato con modalità semplificate.

di Ilia Sorvillo

Fonte normativa