martedì, 02 luglio 2024 | 17:25

Rischio caldo nei luoghi di lavoro: assistenza telefonica Inail

In previsione del clima torrido, quest'estate l'Inail risponde al numero di pubblica utilità 1500 per fornire indicazioni utili sui comportamenti da adottare per proteggersi dalle ondate di calore nei luoghi di lavoro (Inail - avviso 26 giugno 2024)

Newsletter Inquery

Rischio caldo nei luoghi di lavoro: assistenza telefonica Inail

In previsione del clima torrido, quest'estate l'Inail risponde al numero di pubblica utilità 1500 per fornire indicazioni utili sui comportamenti da adottare per proteggersi dalle ondate di calore nei luoghi di lavoro (Inail - avviso 26 giugno 2024)

In previsione del clima torrido atteso nei mesi estivi in buona parte dell’Europa, Italia compresa, il Ministero della Salute a partire dal 26 giugno 2024 ha riattivato il numero gratuito di pubblica utilità 1500, che fornisce indicazioni utili sui comportamenti da adottare per proteggersi dalle ondate di calore e sui servizi socio-sanitari presenti sul territorio nazionale.

Grazie alla collaborazione con l’Inail, quest’anno il servizio telefonico è stato esteso anche a lavoratori e imprese, con l’introduzione di informazioni specifiche sul “rischio caldo” nei luoghi di lavoro.

Particolare attenzione è rivolta ai lavoratori impiegati in attività all’aperto, come l’agricoltura e l’edilizia, e dunque più esposti alle alte temperature.

Il numero 1500 sarà operativo fino al 20 settembre 2024, dal lunedì al venerdì tra le ore 9 e le ore 18.

Il servizio telefonico 1500, quest’anno coinvolge sinergicamente l’Inail, che per garantirne il funzionamento mette a disposizione il proprio Contact Center, le infrastrutture tecnologiche e gli strumenti gestionali informatici, oltre a un adeguato numero di operatori altamente professionalizzati.

Contattando questo numero, è possibile ottenere informazioni per orientare e risolvere le situazioni di disagio dovute alle alte temperature, ricevere counselling di tipo medico attraverso la collaborazione dei dirigenti sanitari del Ministero della Salute, che assicurano il presidio di un secondo livello di risposta, e avere chiarimenti su norme e linee guida per la tutela dei lavoratori dall’esposizione solare.

Tra le fonti di informazione destinate ad alimentare il numero 1500 rientra anche il progetto Worklimate, coordinato dall’Inail insieme all’Istituto per la Bioeconomia del Cnr, con il contributo di altri enti partner.

Finanziato inizialmente con il Bando di ricerca in collaborazione (Bric) Inail 2019 e, nella sua versione 2.0, con il bando Bric 2022, il progetto ha sviluppato e reso disponibile un prototipo di sistema di previsione dello stress da calore per lo screening dei rischi professionali a uso di lavoratori, datori di lavoro e addetti alla salute e sicurezza aziendali.

Gli strumenti messi a disposizione comprendono mappe di previsione, una web app calibrata sulle caratteristiche dei lavoratori e su vari scenari di esposizione, una guida per la gestione del rischio caldo e report periodici che raccolgono le principali notizie relative a infortuni e malori sul lavoro che possono essere correlati alle alte temperature, insieme alle segnalazioni di iniziative e proposte per la tutela dei lavoratori esposti a stress termico.

di Ciro Banco